Carrello

 x 

Carrello vuoto

varie 5 URI EIAR RAIGuglielmo Marconi riuscì a trasmettere e ricevere segnali radio nel 1896, sancendo in tal modo la nascita ufficiale della radio. A partire dal 1920 cominciarono a diffondersi, negli Stati Uniti, le prime stazioni radio commerciali con trasmissioni rivolte al grande pubblico. In Italia il fenomeno comincia nel 1924 con la fondazione dell’URI, Unione Radiofonica Italiana, che manda in onda la prima trasmissione ufficiale della radio italiana il 6 ottobre dello stesso anno. Con un Regio Decreto del dicembre 1927 venne deliberata la trasformazione dell’URI in EIAR, Ente Italiano Audizioni Radiofoniche, che divenne effettiva dal gennaio 1928. Dopo le storiche stazioni radio di Milano e di Roma vennero inaugurate ed entrarono in funzione le stazioni di Bolzano, Genova, Napoli e via via altre in tutta la penisola. Tra innovazioni tecniche e tecnologiche la radio continuò a crescere e raggiunse la piena maturità. Nel giro di pochi anni il governo scoprì le potenzialità della radio e per mezzo di essa cercò di occupare gli spazi culturali e vitali della popolazione. Poi arrivarono gli anni bui della guerra e sul finire del 1944, mentre in alcune zone del Paese si stava ancora combattendo, venne firmata la soppressione dell’EIAR, dalle cui ceneri prese vita la RAI, Radio Audizioni Italia. Antonio Lari nel suo bel libro “URI-EIAR-RAI: i primi vent’anni della Radio in Italia (1924-1944)” edito da Sandit, ripercorre la storia del mezzo radiofonico italiano e della sua evoluzione. Il libro unisce rigore storico e linguaggio divulgativo, rivelando al lettore un argomento poco noto della storia nazionale. Il libro, impreziosito da un ricco apparato iconografico, si conclude con una dettagliata cronologia e un’attenta bibliografia che suggerisce ulteriori spunti di lettura. Un libro che non può mancare nella biblioteca di ciascun radio-appassionato. Maggiori informazioni su http://www.sanditlibri.it/

Edizioni C&C - via Naviglio, 37/2 48018 Faenza (RA) Tel 0546 22112 Fax: 0546 662046 - P.IVA 01446370395 - Privacy e Cookie policy - sito web: Logo Progetto Aroma