Carrello

 x 

Carrello vuoto

varie gualandiGuglielmo Marconi nel 1895, a pochi chilometri da Bologna, inventò la radio. Ancora oggi, a distanza di 125 anni, in molta letteratura scientifica e su molte pagine web, l’invenzione della radio è ingiustamente contestata a Marconi. Lodovico Gualandi, ex tecnico RAI, appassionato autore di una delle più approfondite ricerche sulla vera origine della radio, che è sfociata nella pubblicazione di tre ponderosi e dettagliatissimi volumi, torna ad occuparsi dell’argomento nel delizioso volumetto “La vera paternità della radio”, pubblicato per i tipi di Sandit. Le ragioni del successo del primo italiano Premio Nobel per la Fisica sono dovute all’originalità e alla rilevanza scientifica del suo sistema ingegneristico. Le ingiuste contestazioni sono invece da attribuire, secondo l’Autore, alla errata interpretazione delle reali funzioni tecniche degli strumenti inventati e brevettati da Marconi.
Contestazioni nate in campo accademico poiché quello che stava realizzando Marconi in quegli anni era considerato pura utopia: eminenti scienziati giudicarono la telegrafia senza fili ad onde elettromagnetiche assolutamente impossibile. Nel testo vengono passati in rassegna alcuni importanti documenti storici che descrivono in maniera dettagliata una serie di fatti concreti che solo Marconi riusciva a produrre nel campo delle radiocomunicazioni. Tali fatti confrontati con i miseri risultati di Slaby, di Braun e di Popov, non fanno altro che confermare che lo scienziato bolognese è il vero padre della Radio. Il volume, ricco di fotografie ed illustrazioni, raccoglie nelle sue cinquanta pagine i risultati di quarantacinque anni di appassionato studio alla ricerca della verità. Questo libro dovrebbe essere letto in tutte le scuole d’Italia. Maggiori informazioni su http://www.sanditlibri.it/

Edizioni C&C - via Naviglio, 37/2 48018 Faenza (RA) Tel 0546 22112 Fax: 0546 662046 - P.IVA 01446370395 - Privacy e Cookie policy - sito web: Logo Progetto Aroma